• Il Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria dell'Università degli Studi di Foggia è stato istituito ed attivato a partire dall'anno accademico 2005/06. Tale corso a numero programmato rappresenta attualmente, in linea con le direttive della Comunità Europea, l'unica via di formazione per la figura dell'odontoiatra. Dal punto vista didattico il corso si articola in sei anni e prevede la frequenza obbligatoria sia per la parte teorica che per la parte pratica. In questo periodo l'allievo acquisisce un bagaglio di conoscenze teoriche ed un bagaglio di abilità tecniche che gli consentiranno, appena conseguita la laurea, di esercitare la professione odontoiatrica.Per tale motivo, gli studenti dapprima sono invitati ad osservare la pratica operativa, svolgendo spesso anche un compito di assistenza presso la poltrona odontoiatrica, poi dopo didattica multimediale e simulata su manichini, effettuano, alla fine del loro percorso formativo, prestazioni tutorate direttamente sul paziente.
    Il corso di laurea offre una formazione propedeutica medico-biologica, su cui si innestano conoscenze più specifiche relative alla patologia oro-dentaria. Le conoscenze di base di natura biologica vengono quindi integrate con lo studio delle discipline cliniche che trattano dell'apparato stomatognatico e delle sue patologie dal punto di vista preventivo, diagnostico, terapeutico e riabilitativo.
     

     

  • Concorso di ammissione
    Ammissione al Corso di Laurea

    L'accesso al Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in in Odontoiatria e Protesi Dentaria è a numero programmato e prevede un concorso di ammissione.

    L’iscrizione alla prova d’ammissione deve avvenire entro il 22 luglio 2021.

Caratteristiche del corso
Anno accademico:
2021
Tipo di corso:

Laurea Magistrale Ciclo Unico 6 anni

Durata:
6 anni
Classe:
LM-46

Dentistry and orthodontics

CFU:
360 CFU
Organizzazione del corso
Struttura afferente:
Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale
Tipo di accesso:
Programmato
Codice identificativo:
616
Il piano degli studi
Anno di corso: 1
Obbligatori
Anno di corso: 2
Obbligatori
Anno di corso: 3
Obbligatori
Anno di corso: 4
Obbligatori
Anno di corso: 5
Obbligatori
Anno di corso: 6
Obbligatori

Programma, testi e obiettivi

Status professionale conferito dal titolo.
ODONTOIATRA
I laureati in Odontoiatria e Protesi Dentaria hanno sbocchi occupazionali nell'ambito della libera professione di odontoiatra. Possono inoltre svolgere l'attività di odontoiatra nei vari ruoli ed ambiti professionali clinici, sanitari e bio-medici.La laurea magistrale in Odontoiatria è, inoltre, requisito per l'accesso alle Scuole di Specializzazione nell'Area dei Servizi Clinici nella Classe delle Specializzazioni in Odontoiatria nelle tipologie in Chirurgia orale, in Ortognatodonzia e in Odontoiatria Pediatrica.
Caratteristiche prova finale.
Per il conseguimento della laurea magistrale è prevista la presentazione di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore, la cui valutazione deve essere espressa mediante una votazione in centodecimi con eventuale lode.
Conoscenze richieste per l'accesso.
Possono essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria (CLMOPD) candidati che siano in possesso di Diploma di Scuola media superiore o di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
L'organizzazione didattica del CLMOPD prevede che gli Studenti ammessi al 1° anno di corso possiedano una adeguata conoscenza della lingua italiana ed una preparazione iniziale, conseguita negli studi precedentemente svolti, che verta su conoscenze nei campi della logica,della cultura generale, della biologia, della chimica, della matematica e della fisica. Il corso di laurea magistrale a ciclo unico in odontoiatria e protesi dentaria è a numero programmato in base all'art. 1 della L. 264/99.
La verifica dell'adeguatezza della preparazione dello studente si intende effettuata con il superamento del test di ammissione.
Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione.
ITALIANO
Autonomia di giudizio.
Il laureato:
- Possiede la capacità di impostare e realizzare in autonomia programmi terapeutici volti alla cura e riabilitazione del sistema stomatognatico.
- E' in grado di riconoscere i propri limiti nell'assistere il paziente e riconoscere l'esigenza di indirizzare il paziente ad altre competenze per terapia mediche.
- E' in grado di gestire autonomamente il trattamento odontoiatrico del paziente.
- E' in grado di valutare l'efficacia del piano di trattamento, degli interventi compiuti e dei risultati conseguiti.

L'autonomia di giudizio viene coltivata nello studente mediante letture di articoli scientifici. Specificamente dedicata all'acquisizione dell'autonomia di giudizio l'elaborazione di un Progetto, che può essere il progetto di tesi o un progetto scientifico, il quale culminerà in un elaborato autonomo provvisto di bibliografia.
Abilità comunicative.
Il laureato:
- Possiede una conoscenza delle lingua inglese di livello intermedio necessaria per la consultazione di testi e riviste scientifiche.
- E' in grado di comunicare efficacemente col paziente e educare il paziente a tecniche di igiene orale appropriate ed efficaci e fornendolo di adeguate informazioni, basate su conoscenze accettate dalla comunità scientifica, per ottenere il consenso informato alla terapia.
- Sa sviluppare un approccio al caso clinico di tipo interdisciplinare, anche e soprattutto in collaborazione con altre figure dell'équipe sanitaria, approfondendo la conoscenza delle regole e delle dinamiche che caratterizzano il lavoro del gruppo degli operatori sanitari.

Le abilità comunicative vengono particolarmente sviluppate in occasione del lavoro di tesi che prevede relazioni mensili scritte o attraverso l'ausilio di strumenti multimediali, da presentare al Relatore e ad una specifica commissione del corso di studi. Critica a questo riguardo è la presentazione dell'elaborato di tesi, che avverrà attraverso strumenti multimediali davanti all'apposita commissione di laurea.
Capacità di apprendimento.
Il laureato:
- Possiede la capacità di consultare banche dati ai fini di acquisire documentazione scientifica ed analizzare la letteratura scientifica applicando i risultati della ricerca alla terapia in modo affidabile.
- È in grado di interpretare correttamente la legislazione concernente l'esercizio dell'odontoiatria del paese dell'Unione Europea in cui l'odontoiatra esercita e prestare assistenza nel rispetto delle norme medico-legali ed etiche vigenti nel paese in cui esercita.

La capacità di apprendimento viene valutata attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, compenetrando le conoscenze acquisite nel corso di attività specifiche a quelle conseguite mediante lo studio personale, valutando il contributo critico dimostrato nel corso di attività esercitazionali, seminariali e di tirocinio clinico, nonché mediante la verifica della capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale.
Conoscenza e comprensione.
Metodologia scientifica ed abilita linguistiche ed informatiche
Conoscenza e comprensione delle basi della metodologia statistica e conoscenza delle tecniche necessarie per dare risposta alle piu frequenti esigenze conoscitive in ambito medico-sanitario.
Conoscenza delle nozioni fondamentali della pedagogia applicati, in particolare, alla educazione alla salute intesa come attuazione dei processi di consapevolezza e responsabilita nell'esercizio della professione. Acquisizione delle abilita linguistiche e terminologiche necessarie per l?espletamento della professione di odontoiatra.
Conoscenza dei principi fondamentali del funzionamento dei sistemi informatici. Conoscenza dei metodi e delle tecnologie per la gestione dell'informazione.


Metodologia scientifica ed abilità linguistiche ed informatiche
Conoscenza e comprensione delle basi della metodologia statistica e conoscenza delle tecniche necessarie per dare risposta alle più frequenti esigenze conoscitive in ambito medico-sanitario.
Conoscenza delle nozioni fondamentali della pedagogia applicati, in particolare, alla educazione alla salute intesa come attuazione dei processi di consapevolezza e responsabilità nell'esercizio della professione. Acquisizione delle abilità linguistiche e terminologiche necessarie per l’espletamento della professione di odontoiatra.
Conoscenza dei principi fondamentali del funzionamento dei sistemi informatici. Conoscenza dei metodi e delle tecnologie per la gestione dell'informazione.

Discipline pre-odontoiatriche
Concetti base della fisica: meccanica, termodinamica ed elettromagnetismo.
Elementi di biomeccanica e fisica dei fluidi. Concetti di base di fisica nucleare e radioattività utili nella pratica odontoiatrica.
Conoscenza di base della Biologia e della Genetica; studio dei processi cellulari metabolici, della proliferazione cellulare e della trasmissione dei caratteri ereditari.
Conoscenze dei concetti di base della chimica generale e della chimica organica, con particolare riferimento alle macromolecole di interesse biologico alla base meccanismi molecolari processi vitali.
Conoscenza della organizzazione dei tessuti principali; dell’evoluzione delle varie fasi dello sviluppo dei vari organi e apparati, con particolare riferimento alle strutture oro - facciali.
Conoscenza della anatomia generale; con particolare riferimento alla conoscenza della morfologia macroscopica e microscopica di tutti i componenti dell’Apparato stomatognatico, con riguardo ai loro rapporti topografici ed ai loro singoli ruoli funzionali.
Conoscenza dei meccanismi e delle modalità di funzionamento di organi e apparati e delle loro modalità di interazione, con particolare riferimento alla conoscenza e comprensione del funzionamento dell’apparato stomatognatico e delle relazioni funzionali dell’apparato stomatognatico con i vari organi dell’intero organismo.
Conoscenza e comprensione, in termini di meccanismi molecolari e cellulari di azione, dei principi generali della Farmacologia, con particolare riferimento al profilo farmacodinamico e farmacocinetico delle molecole farmacologiche di largo uso in odontostomatologia e medicina generale; impieghi terapeutici, variabilità di risposta in rapporto a fattori genetici e fisiopatologici, interazioni farmacologiche, definizione degli schemi terapeutici e effetti avversi sia a carico del cavo orale sia sistemici. Conoscenza e comprensione di eventuali implicazioni della terapia farmacologica di patologie sistemiche sulle patologie e sulle terapie odontoiatriche.
Conoscenza dei meccanismi etiopatogenetici e fisiopatologici delle malattie. Capacità di riconoscere l’eziologia delle neoplasie attraverso la conoscenza delle sostanze e dei virus oncogeni e l’immunopatologia relativamente alle malattie immunomediate. Conoscenza delle modalità di esecuzione di un esame istologico e comprensione di un referto istopatologico, con particolare riferimento all’ambito stomatologico. Conoscenza dell’evoluzione biologica delle malattie del cavo orale per poter organizzare follow-up adeguati nel paziente.
Conoscenze della microbiologia e dei microrganismi patogeni di interesse odontoiatrico.
Conoscenza delle nozioni fondamentali di biochimica clinica in relazione alle condizioni patologiche dell’uomo. Conoscenza dei principali esami di laboratorio e le loro correlazioni con le patologie.
Conoscenza delle basi fondamentali dell’Anatomia Patologica con particolare riguardo al distretto testa-collo ed utilizzo della Anatomia patologica nei percorsi diagnostici delle principali patologie del distretto odontostomatologico.
Inoltre lo studente deve conoscere l’eziologia delle neoplasie attraverso la conoscenza delle sostanze e dei virus oncogeni e l’immunopatologia relativamente alle malattie immunomediate. Conoscenza delle modalità di esecuzione di un esame istologico e comprensione di un referto istopatologico, con particolare riferimento all'ambito stomatologico. Conoscenza dell’evoluzione biologica delle malattie del cavo orale per poter organizzare follow-up adeguati nel paziente.

Discipline odontoiatriche
Conoscenza dell'ambiente di lavoro odontoiatrico; conoscenza dell’ecosistema orale, della storia naturale e dell’epidemiologia delle patologie odontoiatriche a più elevato impatto sociale (carie, malattia parodontale, cancro orale, erosioni dentarie, traumi oro-dentari). Conoscenza della metodologia clinica e delle procedure diagnostiche per l’esame obiettivo del cavo orale; conoscenza della terminologia semeiologica.
Conoscenza degli strumenti e dei materiali per l'igiene orale domiciliare. Conoscenza delle potenzialità e dei limiti dei sistemi di detection della mucosa orale e delle principali indagini di laboratorio utilizzate in odontostomatologia, con particolare riferimento agli aspetti tecnologico-applicativi. Conoscenza basilare degli algoritmi diagnostici e delle tecniche per ottenere adeguata documentazione fotografica del cavo orale. Conoscenza della struttura di un articolo scientifico e della metodologia di ricerca di fonti bibliografiche sul WEB.
Conoscenza dei principi dell'Evidence-based dentistry; Conoscenza del linguaggio specifico proprio della disciplina specialistica (odontoiatria preventiva e di comunità, scienze tecniche mediche applicate).
Conoscenza delle caratteristiche fisiche chimiche, biologiche e meccaniche dei materiali di uso odontoiatrico e comprensione delle loro potenzialità e dei limiti di applicazione.
Conoscenza delle procedure e sul corretto impiego dei materiali a disposizione per la valutazione dei manufatti prodotti dal laboratorio odontotecnico.
Conoscenza della corretta applicazione della Direttiva 93/42 CEE DL 46/97 e successivi.
Conoscenza degli ambiti professionali dell’attività dell'Odontotecnico ed dei corretti rapporti di collaborazione con l'Odontoiatra.
Conoscenza degli aspetti normali e patologici dei tessuti molli e duri del cavo orale, sia sotto l’aspetto clinico che isto-morfologico, e delle più frequenti patologie delle ossa mascellari.
Conoscenza delle fondamentali procedure diagnostiche cliniche e anatomo-patologiche.
Conoscenza delle reazioni avverse causate dai farmaci a carico dei tessuti molli del cavo orale.
Essere in grado di riconoscere le più comuni manifestazioni intra-orali di patologie sistemiche e di reazioni avverse a farmaci.
Conoscenza delle patologie del distretto interessato per un esatto inquadramento nosologico.
Conoscenza degli elementi e degli algoritmi diagnostici, clinici classificativi ed operativi relativi alle problematiche chirurgiche di interesse odontoiatrico.
Conoscenza delle potenzialità e dei limiti delle principali indagini strumentali utilizzate ai fini diagnostici, in chirurgia orale.
Conoscenza dello strumentario chirurgico.
Conoscenza delle tecniche e dei protocolli chirurgici.
Conoscenza delle regole e delle dinamiche che caratterizzano il lavoro del gruppo degli operatori sanitari.
Conoscenze sulla prevenzione delle contaminazioni fisiche, chimiche e microbiologiche nell'esercizio dell’attività chirurgica.
Conoscenze anatomiche, etiopatogenetiche, strumentali ed operative per effettuare diagnosi e impostare ed effettuare piani di terapia.
Conoscenze anatomiche relative alla morfologia dentaria compresa l’anatomia radicolare e dello spazio endodontico e conoscenze relative alle malattie del tessuto pulpare e dei tessuti periradicolari.
Conoscenza dell’epidemiologia, dell’eziopatogenesi, della diagnosi e della terapia causale delle patologie parodontali placca-indotte.
Conoscenze pre-cliniche per la programmazione e l’esecuzione della terapia parodontale causale.
Conoscenza degli strumenti, delle tecniche, degli scopi, delle indicazioni e controindicazioni del trattamento chirurgico parodontale.
Conoscenza delle metodiche di diagnosi clinica e strumentale necessarie per la corretta programmazione della terapia chirurgica delle malattie parodontali.
Conoscenza delle tecniche chirurgiche parodontali.
Conoscenza dei rapporti fra patologie parodontali ed endodonzia ed ortodonzia.
Conoscenze teoriche e pre-cliniche nel campo della riabilitazione protesica dell’edentulia parziale mediante protesi fissa.
Conoscenze specifiche sulla pianificazione ed esecuzione del piano di trattamento protesico della protesi parziale rimovibile (PPR).
Conoscenza del linguaggio specifico della Parodontologia e della Protesi dentaria.
Conoscenza dei limiti anatomo-topografici della regione maxillo-facciale e conoscenza della semeiologia orale e maxillo-facciale.
Conoscenza delle patologie di interesse Maxillo-Facciale e Otorinolaringoiatrico quali neoplasie, traumi, malformazioni congenite ed acquisite, infiammazioni, cisti, patologie delle ghiandole salivari.
Conoscenza della Semeiotica clinica e strumentale ORL.
Conoscenze di base della pediatria e delle patologie pediatriche con manifestazioni orali.
Conoscenza delle patologie di interesse odontoiatrico in età pediatrica e del percorso decisionale che conduce alla diagnosi ed all’impostazione del piano di trattamento in soggetti in età evolutiva; acquisizione delle strategie di prevenzione basate sul profilo di rischio individuale attraverso trattamenti personalizzati.
Conoscenza della evoluzione storica della implatologia osteointegrata.
Conoscenza dei meccanismi fisiologici e delle caratteristiche morfo-funzionali del processo dell’osteointegrazione;
Conoscenza dell’anatomia e della fisiologia dei tessuti perimplantari.
Conoscenza dell'epidemiologia, dell’eziopatogenesi, dell’istopatologia e del quadro clinico delle patologie perimplantari di natura infettiva (mucositeperimpantare, perimplantite).
Conoscenza delle indicazioni e delle controindicazioni del trattamento riabilitativo implantoprotesico, e della valutazione del rischio nel paziente candidato a tale trattamento.
Conoscenza delle metodiche e dello strumentario per la diagnosi e il trattamento delle patologie perimplantari di natura infettiva.
Conoscenza delle procedure cliniche e della prognosi della re-osteointegrazione.
Conoscenza degli strumenti, dei materiali e delle tecniche utilizzati in chirurgia implantare, compreso lo studio del sito chirurgico e il timing dell'intervento di chirurgia implantare.
Conoscenza delle tecniche e della prognosi delle procedure di aumento di cresta e del rialzo del seno mascellare.
Conoscenza delle caratteristiche dei dispositivi implantari (morfologia, superficie).
Conoscenza dei fattori che influenzano il successo dell’osteointegrazione.
Conoscenza dei protocolli di riabilitazione implantoprotesica nelle diverse tipologie di edentulia (settori anteriori e settori posteriori).
Conoscenza delle tecniche di realizzazione e applicazione dei manufatti protesici supportati da impianti.
Conoscenza delle complicanze chirurgiche e meccaniche del trattamento di riabilitazione implantoprotesica.
Conoscenza delle procedure cliniche per mantenimento della salute perimplantare.
Conoscenza del linguaggio specifico proprio delle discipline specialistiche inserite nella struttura del Corso integrato.


Scienze mediche e chirurgiche di interesse odontoiatrico
Conoscenza delle nozioni introduttive sulla fisica delle radiazioni, dei principi di formazione dell’immagine radiologica, sulla tecnologia delle apparecchiature radiologiche e comprensione delle informazioni cliniche contenute in referti ed immagini radiologiche.
Conoscenza e comprensione delle applicazioni delle tecniche di diagnostica per immagini in ambito odontostomatologico e maxillo-facciale.
Conoscenza dei meccanismi patogenetici, della sintomatologia clinica, delle modalità diagnostiche nonché delle prospettive terapeutiche, nell’ambito delle principali malattie sistemiche di interesse internistico, in particolare di interesse internistico-gastroenterologico-endocrinologico, con approfondimenti sulle relative manifestazioni odontostomatologiche.
Conoscenza degli elementi di terapia nell’ambito di specifiche patologie sistemiche e delle eventuali implicazioni della terapia farmacologica di patologie sistemiche sulle patologie e sulle terapie odontostomatologiche.
Conoscenza della anatomia e fisiologia della cute ai fini del mantenimento dello stato di salute e della comprensione delle modificazioni patologiche; conoscenza dei meccanismi biologici fondamentali di difesa e quelli patologici del sistema immunitario e la conoscenza del rapporto tra microrganismi ed ospite nelle infezioni, nonché i relativi meccanismi di difesa; conoscenza sistematica delle patologie dermatologiche ed infettive più rilevanti, sotto il profilo nosografico, eziopatogenetico, fisiopatologico e clinico, degli aspetti di semeiotica funzionali e strumentali e la metodologia clinica specifica ematologica, nel contesto di una visione unitaria e globale della patologia umana. Conoscenza della fisiopatologia, della clinica delle principali patologie ematologiche e dell’emostasi. Conoscenza delle principali e più aggiornate metodologie di diagnostica laboratoristica.
Conoscenza delle basi fisiopatologiche, inquadramento clinico nosografico ed iter diagnostico nell’ambito delle discipline neuropsichiatriche.
Conoscenza delle grandi sindromi neurologiche, con particolare riferimento alla patologia di confine oro-facciale. Conoscenza sul funzionamento psichico ed i suoi correlati comportamentali aventi incidenza dal punto di vista clinico.
Conoscenza dei disturbi psichiatrici nel paziente con patologia odontostomatologica.
Conoscenza delle eventuali implicazioni della terapia farmacologica di patologie neuropsichiatriche sulle patologie e sulle terapie odontostomatologiche.
Approfondimento degli aspetti anatomici, fisiologici, fisiopatologici dei vari apparati, specie S.N.C e P., Respiratorio, Cardiocircolatorio, Renale, Neuroendocrino, Gastrointestinale, rilevanti per l’Anestesiologia e l’Emergenza in odontoiatria. Conoscenza dei principi della Anestesiologia, Rianimazione, Terapia Intensiva e Sedazione.
Conoscenza sull’impiego delle tecniche appropriate, anche comportamentali, per trattare il disagio e l’ansia perioperatoria e sui metodi di valutazione dei segni vitali e delle condizioni psicofisiche nell’adulto, nel bambino e nell’adolescente. Conoscenze sulla fisiopatologia del dolore in relazione alle principali sindromi algogene odontoiatriche e conoscenza dei metodi di trattamento del dolore acuto postoperatorio e del dolore cronico.
Conoscenza degli stadi dell’anestesia.
Conoscenza dei metodi e degli strumenti del monitoraggio del paziente durante la sedazione cosciente.
Conoscenza delle tecniche di anestesia locoregionale in odontoiatria, delle procedure connesse, dei farmaci e delle posologie e conoscenza delle eventuali complicanze ed urgenze ed emergenze mediche (neurologiche, respiratorie, cardiocircolatorie, effetti avversi da farmaci) che possono verificarsi nell’adulto, nel paziente pediatrico e nel disabile.
Conoscenza dei metodi e dei criteri di applicazione della moderna scienza anestesiologica odontoiatrica su scala europea secondo il documento dell’Association for Dental Education in Europe (ADEE).
Conoscenza e capacità di comprensione dei segni e dei sintomi delle malattie chirurgiche a maggiore incidenza; conoscenza dei quadri clinici delle patologie oncologiche di pertinenza chirurgica; conoscenza delle affezioni che richiedono un trattamento chirurgico d’urgenza.
Conoscenza degli ambiti di intervento della Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed estetica. Conoscenza della biologia dei trapianti cutanei, dei lembi, dei lembi microchirurgici.
Conoscenza delle principali malformazioni oro-facciali che prevedono un trattamento multidisciplinare, comprensivo dell’intervento dell’odontoiatra.

Discipline della prevenzione e dei servizi sanitari odontoiatrici
Conoscenza dell’’ambiente di lavoro odontoiatrico; conoscenza dell’’ecosistema orale, della storia naturale e dell’epidemiologia delle patologie odontoiatriche a più elevato impatto sociale (carie, malattia parodontale, carcinoma orale, erosioni dentarie, traumi oro-dentari). Conoscenza della metodologia clinica e delle procedure diagnostiche per l’esame obiettivo del cavo orale; conoscenza della terminologia semeiologica.
Conoscenza delle strategie e degli interventi di promozione della salute orale e delle strategie e degli interventi di prevenzione odontostomatologica per l’individuo e la comunità; conoscenza del counselling anti-tabacco. Conoscenza degli indici epidemiologici orali.
Conoscenza delle strategie per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, dell’epidemiologia e del management sanitario.
Conoscenza e comprensione dei presupposti di liceità dell’atto medico odontoiatrico. Conoscenza e comprensione della metodologia medico legale che sostiene il giudizio in tema di responsabilità professionale nei diversi ambiti penale e civile, con particolare riguardo al ristoro del danno ingiusto e ricostruzione del nesso di casualità in ambito di responsabilità professionale.
Conoscenza del danno biologico, inteso quale danno alla persona nella sua interezza, acquisire le conoscenze di base per procedere alla eventuale valutazione del danno biologico in ambito odontoiatrico e valutazione dell’eventuale compromissione della funzione masticatoria ai fini dell’inquadramento della gravità delle lesioni personali in ambito penalistico. Conoscenza degli elementi base di responsabilità professionale in ambito civilistico e penalistico.
Conoscenza della normativa a tutela della riservatezza e della privacy della persona.
Conoscenza dei meccanismi dei più frequenti infortuni sul lavoro ed il determinismo e la storia naturale delle malattie provenienti dall’esposizione a fattori di rischio presenti nelle realtà lavorative in cui opera l’odontoiatra, nonché l'interazione tra l'uomo-lavoratore ed il suo ambiente fisico-sociale e di lavoro.
Conoscenza delle strategie e degli interventi di promozione della salute orale e delle strategie e degli interventi di prevenzione odontostomatologica per l’individuo e la comunità; Conoscenza degli indici epidemiologici orali.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione.
Metodologia scientifica ed abilita linguistiche ed informatiche
Capacita di progettazione di uno studio clinico, tecniche e modalita di elaborazione statistico- epidemiologica dei dati, al fine di poter svolgere autonomamente analisi statistiche e interpretarne i risultati.
Capacita di applicare le conoscenze in campo pedagogico per pianificare interventi di educazione alla salute su gruppi e comunita e per trasmettere conoscenze di base in campo odontoiatrico. Capacita di sviluppare e potenziare le abilita linguistiche necessarie per comprendere e redigere documenti specialistici e comunicare in lingua Inglese su argomenti di natura odontoiatrica, anche per stabilire una comunicazione basilare odontoiatra-paziente.
Capacita di utilizzare la tecnologia associata all'informazione e alle comunicazioni come giusto supporto alle pratiche diagnostiche, terapeutiche e preventive e per la sorveglianza ed il monitoraggio del livello sanitario. Saper gestire e analizzare un buon archivio della propria pratica odontoiatrica, per una sua successiva analisi e miglioramento.

Metodologia scientifica ed abilità linguistiche ed informatiche
Capacità di progettazione di uno studio clinico, tecniche e modalità di elaborazione statistico- epidemiologica dei dati, al fine di poter svolgere autonomamente analisi statistiche e interpretarne i risultati.
Capacità di applicare le conoscenze in campo pedagogico per pianificare interventi di educazione alla salute su gruppi e comunità e per trasmettere conoscenze di base in campo odontoiatrico. Capacità di sviluppare e potenziare le abilità linguistiche necessarie per comprendere e redigere documenti specialistici e comunicare in lingua Inglese su argomenti di natura odontoiatrica, anche per stabilire una comunicazione basilare odontoiatra-paziente.
Capacità di utilizzare la tecnologia associata all'informazione e alle comunicazioni come giusto supporto alle pratiche diagnostiche, terapeutiche e preventive e per la sorveglianza ed il monitoraggio del livello sanitario. Saper gestire e analizzare un buon archivio della propria pratica odontoiatrica, per una sua successiva analisi e miglioramento.
La modalità didattica prevede la partecipazione a lezioni frontali, ad attività di laboratori ed esercitazioni. La frequenza è obbligatoria per tutte le attività. Le modalità di verifica sono quelle classiche del colloquio orale e/o dell'elaborato scritto.
Tra gli strumenti didattici utilizzati per il raggiungimento delle capacità di applicare le conoscenze nell'ambito delle attività caratterizzanti sono inclusi l’utilizzo di aule studio e informatiche.

Discipline pre-odontoiatriche
Capacità di riconoscere i concetti fisici alla base dei processi fisiologici.
Sapere applicare le elaborazioni derivate dalla conoscenza dei processi biologici che stanno alla base del metabolismo della riproduzione e della trasmissione dei caratteri ereditari nell’uomo sia normali che patologici, anche al fine di fornire consulenza genetica per le patologie genetiche inerenti la professione odontoiatrica.
Capacità di descrivere dal punto di vista quantitativo reazioni e processi chimici.
Capacità di applicare le elaborazioni derivate dalla conoscenza analitica dei processi cellulari e del metabolismo.
Capacità di identificare le categorie di tessuti normali dell’organismo umano e capacità di applicare le conoscenze allo sviluppo embriologico normale.
Capacità di riconoscere le strutture anatomiche studiate su modelli anatomici e sul vivente. Capacità di comprendere ed utilizzare la terminologia anatomica.
Capacità di descrivere le funzioni vitali del corpo umano e il loro adattamento a variazioni delle condizioni esterne ed interne e dei sistemi di controllo. con particolare riferimento alle relazioni funzionali dell’apparato stomatognatico.
Capacità di fare scelte razionali riguardo alle terapie farmacologiche da applicare nelle varie condizioni morbose, tenendo conto delle caratteristiche specifiche dei singoli pazienti e nell’ottica di una corretta valutazione del rapporto costo-beneficio.
Capacità di applicare gli strumenti conoscitivi della Patologia generale per l’esercizio di qualsiasi attività connessa alla tutela della salute.
Capacità di applicare le proprie conoscenze con piena comprensione alle principali tematiche della Microbiologia Odontoiatrica.
Capacità di decidere sull’opportunità di esami o analisi speciali e di accedere al dato biochimico clinico come strumento diagnostico. Acquisizione delle basi metodologiche e culturali, nonché l’esperienza sufficiente per saper decidere sull’opportunità di esami o analisi speciali ed avere la capacità di accedere al dato biochimico clinico come strumento diagnostico.
Essere in grado di eseguire le procedure diagnostiche e tecniche di base, saperne analizzare ed interpretare i risultati, allo scopo di definire correttamente la natura di un problema.
Capacità di applicare le elaborazioni derivate dalla conoscenza analitica dei processi cellulari e del metabolismo. Essere in grado di eseguire correttamente le strategie diagnostiche e terapeutiche adeguate, allo scopo di salvaguardare la vita e saper applicare i principi della medicina basata sull'evidenza.
Capacità di formulare una richiesta di esame istologico e di comprendere un referto istopatologico, con particolare riguardo alle patologie del cavo orale.
Capacità di interpretare l’informazione ottenuta con le metodologie di analisi biomediche.
La modalità didattica prevede la partecipazione a lezioni frontali, ad attività di laboratori, esercitazione su simulatori. La frequenza è obbligatoria per tutte le attività. Le modalità di verifica sono quelle classiche del colloquio orale e/o dell'elaborato scritto.
Tra gli strumenti didattici utilizzati per il raggiungimento delle capacità di applicare le conoscenze nell'ambito delle attività caratterizzanti sono inclusi un’intensa attività di laboratorio su simulatori ed un’attività di tirocinio in laboratorio, oltre alla discussione, rielaborazione e presentazione di casi istologici ed anatomopatologici analizzati da individui o gruppi di studenti tramite microscopi.

Discipline odontoiatriche
Capacità di effettuare l'esame obiettivo del distretto oro-maxillo-facciale e di individuare e diagnosticare le patologie di ordine chirurgico.
Capacità di identificare le potenzialità e limiti delle principali indagini strumentali utilizzate ai fini diagnostici.
Capacità di riconoscere ed usare correttamente lo strumentario chirurgico.
Capacità di adottare protocolli e comportamenti idonei per prevenire le contaminazioni fisiche, chimiche e microbiologiche nell'esercizio della sua attività chirurgica.
Capacità di trattare casi semplici di chirurgia orale, di individuare le priorità di trattamento e collaborare con altri specialisti alla pianificazione di interventi volti alla guarigione del paziente.
Capacità di valutare l'efficacia degli interventi chirurgici effettuati e dei risultati conseguiti.
Capacità di sviluppare un approccio al caso clinico di tipo multidisciplinare e coordinare una equipe chirurgica, approfondendo la conoscenza delle regole e delle dinamiche che caratterizzano il lavoro del gruppo degli operatori sanitari. Capacità di rilevare e di motivare il consenso informato alla terapia chirurgica.
Capacità di fruire efficacemente e in sicurezza dell'ambiente di lavoro odontoiatrico; capacità di descrivere l'ecosistema orale, la storia naturale e l'epidemiologia delle patologie odontoiatriche a più elevato impatto sociale (carie, malattia parodontale, carcinoma orale, erosioni dentarie, traumi oro-dentari). Capacità di eseguire l'esame clinico del cavo orale, identificando le strutture anatomiche normali e rilevando i principali indici epidemiologici; capacità di utilizzare in modo corretto ed appropriato la terminologia semeiologica per colloquiare efficacemente con il paziente e rapportarsi correttamente all'interno dell'equipe sanitaria odontoiatrica.
Capacità di organizzare adeguati interventi di promozione della salute orale; capacità di organizzare efficaci interventi di prevenzione odontostomatologica per l'individuo e la comunità. Capacità di identificare ed utilizzare strumenti e materiali per l'igiene orale domiciliare. Capacità di identificare potenzialità e limiti di sistemi di detection della mucosa orale e delle principali indagini di laboratorio utilizzate in odontostomatologia. Capacità di leggere criticamente un articolo scientifico. Capacità di ricercare fonti bibliografiche sul WEB.
Capacità di ottenere una adeguata documentazione fotografica del cavo orale.
Capacità di utilizzare il linguaggio specifico proprio della disciplina specialistica.
Capacità di valutazione dell'utilizzo dei materiali e delle tecniche protesiche più idonee in relazione alle diverse condizioni cliniche.
Capacità di collaborazione in ambito professionale con il laboratorio Odontotecnico.
Capacità di eseguire diagnosi e prevenzione primaria/secondaria delle prevalenti patologie delle mucose orali e delle ossa mascellari. In particolare, saper effettuare diagnosi precoce delle lesioni potenzialmente neoplastiche e delle lesioni neoplastiche del cavo orale, e relativo work-up.
Capacità di consultare banche dati ai fini di acquisire documentazione scientifica ed analizzare la letteratura scientifica applicando i risultati della ricerca alla terapia chirurgica in modo affidabile.
Capacità di effettuare diagnosi, impostare ed effettuare piani di trattamento.
Essere in grado di attuare protocolli di prevenzione, effettuare piani di terapia conservativa, sia in pazienti normali che a rischio, delle patologie dei tessuti duri del dente che mirino al ripristino morfologico, funzionale ed estetico e nel rispetto della salute dei tessuti parodontali e della funzionalità dell'apparato stomatognatico.
Lo Studente dovrà essere in grado di effettuare protocolli terapeutici di prevenzione nei confronti delle malattie endodontiche e periradicolari di origine endodontica adattati ai singoli pazienti. Dovrà dimostrare di saper effettuare piani di terapia endodontica anche in pazienti a rischio, con la finalità di ripristinare, in ogni caso, morfologicamente e funzionalmente, gli elementi dentari interessati da patologia.
Dovrà essere in grado di affrontare le problematiche inerenti l’occlusione mediante procedure diagnostiche e terapeutiche ortognatodontiche ed effettuare la diagnosi ed il trattamento delle disfunzioni temporo-mandibolari.
Identificazione della tipologia di approccio per la pianificazione del trattamento riabilitativo gnatologico.
Riconoscere tutte le anomalie nel campo della crescita cranio-facciale e distinguere tra problemi scheletrici, problemi dentali e l’influenza funzionale e disfunzionale in età evolutiva.
Riconoscere ed affrontare terapeuticamente le differenti tipologie di malocclusione applicando le più recenti tecniche ortodontiche disponibili per il trattamento delle stesse in età evolutiva e nell'adulto.
Riconoscere ed usare appropriatamente i principali materiali per ortodonzia e gli strumenti ortodontici.
Capacità di riconoscere le cause etiologiche di malocclusione.
Conoscenza delle tecniche radiografiche e cefalometriche per fare diagnosi ortodontica.
Capacità di applicare un piano di trattamento riabilitativo gnatologico individualizzato in base alla compliance del paziente ed al tipo di terapia pianificata.
Capacità di utilizzare gli strumenti diagnostici e clinici per la pianificazione del trattamento ortodontico nel soggetto in età evolutiva e nell'adulto tenendo conto delle aspettative individuale e delle esigenze estetiche.
Capacità di comprendere i meccanismi di crescita del complesso cranio-facciale e di effettuare trattamenti che consentano un corretto sviluppo della struttura dento-scheletrica, utilizzando il potenziale di crescita facciale.
Capacità di differenziare tra trattamento ortodontico, funzionale ed ortopedico.
Applicazione delle conoscenze teoriche e delle conoscenze pre-cliniche per la formulazione della diagnosi e del piano di trattamento, per l'esecuzione della terapia parodontale causale e per il corretto utilizzo della strumentazione parodontale.
Capacità di comprendere natura, vantaggi e limiti della chirurgia parodontale.
Capacità di formulare una diagnosi ed un piano di trattamento anche dei casi parodontali complessi, che necessitano di un trattamento chirurgico.
Capacità di utilizzare in modo appropriato lo strumentario chirurgico parodontale.
Capacità di compilare la cartella clinica parodontale, formulare il piano di trattamento e partecipare, come secondo operatore, alle diverse fasi del trattamento parodontale.
Applicare le conoscenze teoriche e le competenze pre-cliniche per la formulazione di un piano di riabilitazione protesica di edentulia parziale, per la rilevazione dellimpronta in protesi fissa, e per la realizzazione di modelli in gesso.
Capacità di formulare diagnosi piano di trattamento e prognosi per la riabilitazione protesica con PPR.
Capacità di progettare ed impostare tutte le fasi della realizzazione protesica PPR, dall’esame clinico alla consegna.
Linguaggio specifico della Parodontologia e della Protesi dentaria.
Capacità di effettuare una valutazione specifica delle patologie di interesse Maxillo Facciale ed Otorinolaringoiatrico.
Capacità di effettuare l'anamnesi, l'esame clinico ed il trattamento delle patologie del cavo orale del paziente in età evolutiva.
Sapere attuare le strategie preventive delle principali patologie odontostomatologiche dell’età evolutiva.
Capacità di pianificare una riabilitazione implantoprotesica, sia nella fase di valutazione del paziente/sito, che nella fase chirurgico-protesica.
Capacità di effettuare la diagnosi delle complicanze infettive, chirurgiche e meccaniche del trattamento di riabilitazione implantoprotesica.
Capacità di programmazione e mettere in atto il mantenimento della salute perimplantare.
Capacità di effettuare il trattamento delle complicanze infettive, chirurgiche e meccaniche del trattamento di riabilitazione.


Scienze mediche e chirurgiche di interesse odontoiatrico
Capacità di risolvere i problemi per quanto concerne le applicazioni delle tecniche di diagnostica per immagini in ambito odontostomatologico e maxillo-facciale, e capacità di contestualizzazione clinica delle informazioni contenute in referti ed immagini radiologiche.
Capacità di riconoscere i più comuni quadri clinici di tipo internistico/gastroenterologico e internistico/endocrinologico e capacità di valutare le implicazioni clinico/odontoiatrico legate alla patologia sistemica.
Capacità di valutare criticamente e correlare tra loro i sintomi clinici, i segni fisici interpretandone i meccanismi di produzione e approfondendone il significato clinico; capacità di ragionamento clinico adeguata ad analizzare più comuni e rilevanti problemi clinici sia di interesse dermatologico, infettivo ed ematologico.
Capacità di un corretto approccio al trattamento delle patologie orali che si associano alle malattie sistemiche di interesse internistico.
Capacità di applicare le conoscenze neurologiche nella diagnosi e nel trattamento delle cefalee e delle nevralgie del capo e del viso di origine odontostomatologica.
Capacità di trattare il dolore acuto e cronico oro-facciale.
Capacità di quantificare e trattare l’ansia perioperatoria in odontoiatria nei pazienti pediatrici, anziani e disabili.
Capacità di individuare e trattare le emergenze-urgenze di più frequente riscontro in odontoiatria, secondo un’adeguata sequenza di procedure, BLS (Basic Life Support), ALS (Advanced Life Support).
Capacità di acquisire il consenso informato da parte del paziente. Capacità di autogestione clinica, tecnologica ed amministrativa.
Capacità di condurre un corretto approccio clinico al paziente che presenta problemi chirurgici.
Capacità di preparare il paziente all’intervento chirurgico e di prevenire e poi, eventualmente, affrontare le complicanze dell’intervento.
Capacità di interagire con l’’equipe chirurgica.
La modalità didattica prevede la partecipazione a lezioni frontali, ad attività di laboratori, esercitazioni e tirocinio clinico. La frequenza è obbligatoria per tutte le attività. Le modalità di verifica sono quelle classiche del colloquio orale e/o dell'elaborato scritto.
Tra gli strumenti didattici utilizzati per il raggiungimento delle capacità di applicare le conoscenze nell'ambito delle attività caratterizzanti sono inclusi un’intensa attività di laboratorio su manichini ed un’attività di tirocinio clinico sul paziente in reparti dedicati, oltre alla discussione, rielaborazione e presentazione di casi clinici analizzati da individui o gruppi di studenti.

Discipline della prevenzione e dei servizi sanitari odontoiatrici
Capacità di integrare le conoscenze di semeiotica forense dimostrando di essere in grado di formulare giudizi personali per risolvere problemi diagnostici posti dalla patologia forense nel vivente (valutazione del danno in odontoiatria) e nel cadavere, acquisizione di fondamentali nozioni di tanatologia ed asfissiologia.
Capacità di compilare correttamente la cartella clinica e di individuare gli ambiti di intervento in cui è obbligato ad inoltrare il referto o la denuncia di reato all'autorità giudiziaria.
Capacità di acquisire un valido consenso informato in ambito odontoiatrico, capacità di mantenere fede all'obbligo di riservatezza e di informazione.
Capacità di riconoscere le più comuni malattie professionali e gli ambiti di interesse medico-legale pertinenti l’odontoiatria, sia pertinenti il diritto penale che quello civile.
Capacità di orientare la propria condotta professionale in modo consono per ciò che attiene gli obblighi di legge vigenti in Italia; capacità di instaurare un corretto rapporto con il paziente.
Saper valutare correttamente i problemi della salute in ambito lavorativo.
Capacità di utilizzare il linguaggio specifico proprio di tali discipline.
Sapere utilizzare in modo appropriato le risorse umane, gli interventi diagnostici, le modalità terapeutiche e le tecnologie dedicate alla cura della salute.
Capacità di applicare le conoscenze nell'ambito dell'Igiene Generale ed Applicata e di saper gestire e utilizzare la conoscenza dei determinanti di salute e dei principali fattori di rischio nell'interazione tra l'uomo, il suo ambiente fisico-sociale e il mondo microbico.
La modalità didattica prevede la partecipazione a lezioni frontali, ad attività di laboratori, esercitazioni e tirocinio clinico. La frequenza è obbligatoria per tutte le attività. Le modalità di verifica sono quelle classiche del colloquio orale e/o dell'elaborato scritto.
Tra gli strumenti didattici utilizzati per il raggiungimento delle capacità di applicare le conoscenze nell'ambito delle attività caratterizzanti sono inclusi un’intensa attività di reparto e presenza in sala settoria.
Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati.
ODONTOIATRA
I laureati in Odontoiatria e Protesi Dentaria hanno sbocchi occupazionali nell'ambito della libera professione di odontoiatra. Possono inoltre svolgere l'attività di odontoiatra nei vari ruoli ed ambiti professionali clinici, sanitari e bio-medici.La laurea magistrale in Odontoiatria è, inoltre, requisito per l'accesso alle Scuole di Specializzazione nell'Area dei Servizi Clinici nella Classe delle Specializzazioni in Odontoiatria nelle tipologie in Chirurgia orale, in Ortognatodonzia e in Odontoiatria Pediatrica.
Competenze associate alla funzione.
ODONTOIATRA
La professione dell'odontoiatra prevede le attività inerenti alla diagnosi e alla terapia della malattie e anomalie congenite e acquisite dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti, nonché, alla prevenzione e alla riabilitazione odontoiatriche. Gli odontoiatri possono prescrivere tutti i medicamenti necessari all'esercizio della loro professione.
Funzione in contesto di lavoro.
ODONTOIATRA
I laureati in Odontoiatria svolgono attività inerenti la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle malattie ed anomalie congenite e/o acquisite dei denti, della bocca, delle ossa mascellari, delle articolazioni temporo-mandibolari e dei relativi tessuti. Si occupa della riabilitazione odontoiatrica, prescrivendo tutti i medicamenti ed i presidi necessari all’esercizio della professione.
Progetta, verifica ed inserisce i manufatti protesici odontoiatri dei quali controlla la congruità.
I laureati nei corsi di laurea magistrale in odontoiatria e protesi dentaria sono in grado di praticare una gamma completa di interventi odontoiatrici e individuare le priorità di trattamento con l'obiettivo dichiarato di ridurre le malattie orali e di ripristinare la funzione masticatoria. Al termine dei loro studi conoscono la scienza dei biomateriali impiegati nella pratica odontoiatrica. Acquisiscono le conoscenze inerenti gli aspetti epidemiologici del proprio territorio al fine di prevenire e trattare le malattie orali e dentali. Istruiscono i pazienti sull'uso delle tecniche di igiene orale. Possono organizzare équipe odontoiatriche utilizzando il personale ausiliario disponibile. Integrano lo studio fisiopatologico con la metodologia clinica e le procedure diagnostiche per un esame obiettivo del cavo orale. Sanno valutare la salute generale del paziente e le relazioni che intercorrono tra la patologia sistemica e quella del cavo orale e sanno diagnosticare le patologie dentali e orali. Acquisiscono le metodiche di diagnostica e gestione del dolore dentale, oro-facciale e cranio-mandibolare. Imparano a eseguire esami radiografici dentali e ad effettuare interventi appropriati come incidere, scollare e riposizionare lembi mucosi del cavo orale, trattareendodonticamentei vari elementi dentari. Apprendono come praticare l'avulsione chirurgica di denti e radici, sostituire denti mancanti con protesi fisse o rimovibili, complete o parziali, e come effettuare la terapia implantare. Studiano inoltre come realizzare correzioni ortodontiche di problemi occlusali minori.
La formazione dell'odontoiatra prevede l'acquisizione di un'esperienza clinica acquisita sotto opportuno controllo e conoscenze adeguate:
- delle scienze sulle quali si fonda l'odontoiatria, nonché una buona comprensione dei metodi scientifici e in particolare dei principi relativi alla misura delle funzioni biologiche, alla valutazione di fatti stabiliti scientificamente e all'analisi dei dati;
- della costituzione, della fisiologia e del comportamento di persone sane e malate, nonché del modo in cui l'ambiente naturale e sociale influisce sullo stato di salute dell'uomo, nella misura in cui ciò abbia rapporti con l'odontoiatria;
- della struttura e della funzione di denti, bocca, mascelle e dei relativi tessuti, sani e malati, nonché dei loro rapporti con lo stato generale di salute e il benessere fisico e sociale del paziente;
- delle discipline e dei metodi clinici che forniscano un quadro coerente delle anomalie, lesioni e malattie dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti, nonché dell'odontologia sotto l'aspetto preventivo, diagnostico e terapeutico.
Descrizione obiettivi formativi specifici.
Gli obiettivi generali e la struttura del piano degli studi di seguito descritto, si rifanno ai contenuti del nuovo schema di Decreto Ministeriale - Nuove Classi di Laurea – Disciplina Corsi di Laurea magistrali, che definisce i Corsi di laurea magistrali nell'osservanza delle direttive dell'Unione Europea e al Regolamento Didattico di Ateneo dell'Università di Foggia. Il piano didattico prevede 360 Crediti Formativi Universitari (CFU) nei 6 anni e 60 CFU per anno. La distribuzione dei 360 crediti formativi è determinata nel rispetto delle condizioni riportate negli allegati del decreto, che stabiliscono i crediti da attribuire agli ambiti disciplinari includenti attività formative 'indispensabili' alla formazione dell'odontoiatra.
Al credito formativo universitario (CFU) si propone l'attribuzione di un valore di 12,5 ore per lezione frontale o teorico/pratica e 16 ore per esercitazione/tirocinio. La ripartizione dei 360 C.F.U. diviene, pertanto, la seguente:
90 C.F.U. professionalizzanti x 16 ore = 1440
10 C.F.U. per esame finale x 25 ore = 250
252 C.F.U. frontali x 12,5 = 3150
8 C.F.U. a scelta dello studente x 20 ore = 160
I titolari dei corsi delle materie professionalizzanti sono responsabili del tirocinio relativo all'insegnamento. Per ogni singolo tirocinio potrà essere effettuata una valutazione in itinere di cui il docente terrà conto ai fini del voto finale d'esame.

Le conoscenze fisiopatologiche e cliniche di medicina generale ed odontostomatologiche acquisite con le attività formative comprese nel piano didattico e le attività pratiche di tipo clinico, determinano e definiscono il profilo professionale dell'odontoiatra che opera nei Paesi dell'Unione Europea.
A conclusione dei sei anni il laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria ha acquisito le conoscenze e le abilità tecniche per inserirsi professionalmente nell'ambito odontoiatrico sia privato che pubblico.
Il laureato ha inoltre sviluppato le capacità di apprendimento necessarie per intraprendere studi specialistici. Svolge attività inerenti la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle malattie ed anomalie congenite ed acquisite dei denti, della bocca, delle ossa mascellari, delle articolazioni temporo-mandibolari e dei relativi tessuti, nonché la riabilitazione odontoiatrica, prescrivendo tutti i medicamenti ed i presìdi necessari all'esercizio della professione. Possiede un livello di autonomia professionale, culturale, decisionale e operativa tale da consentirgli un costante aggiornamento, avendo seguito un percorso formativo caratterizzato da un approccio olistico ai problemi di salute orale della persona sana o malata, anche in relazione all'ambiente fisico e sociale che lo circonda.

Negli aspetti generali, il biennio è indirizzato allo studio di attività formative di base mirate a fare conoscere allo studente i fondamenti dell'organizzazione strutturale e delle funzioni vitali del corpo umano e comprende corsi che affrontano problematiche legate al rapporto medico-paziente e alla comprensione dei principi che sono alla base della metodologia scientifica. Lo studente apprende il metodo per affrontare il paziente con problematica oro-dentale.

Il successivo triennio prevede lo studio di discipline di interesse medico, chirurgico e specialistico con particolare riferimento alle problematiche cliniche correlate alle patologie odontostomatologiche. Queste attività formative si svolgono contestualmente allo studio delle discipline odontoiatriche ed al tirocinio clinico professionalizzante.

Acquisite durante il primo biennio le conoscenze sui grandi sistemi e compresi i principi eziopatogenetici alla base delle alterazioni organiche, funzionali ed omeostatiche, si valutano i quadri anatomopatologici delle affezioni più comuni e si introducono i principi generali delle scienze farmacologiche ed anestesiologiche.
I corsi teorici e tirocini clinici di patologia orale, odontoiatria restaurativa, chirurgia orale, parodontologia, ortodonzia, odontoiatria pediatrica e protesi, pur sviluppando ciascuna differenti capacità, perseguono l'obiettivo comune di maturare abilità ed esperienze per affrontare e risolvere i problemi di salute orale dal punto di vista preventivo, diagnostico, prognostico, terapeutico e riabilitativo, anche nel rispetto delle norme medico legali ed etiche vigenti nei paesi dell'Unione Europea.

Nel quinto anno vengono introdotti un corso di patologia e terapia maxillo-facciale ed un corso di implantologia ai quali, come ai precedenti, viene data un'impostazione globale del trattamento del paziente.

Il sesto anno prevede una attività didattica esclusivamente professionalizzante finalizzata alla cura del paziente con problematiche odontostomatologiche. Le sessioni cliniche in patologia speciale odontostomatologica, odontoiatria preventiva e di comunità, odontoiatria conservativa ed endodonzia, chirurgia orale, parodontologia, ortodonzia, gnatologia, clinica odontostomatologica, pedodonzia e protesi proseguono ed integrano le competenze maturate nelle diverse aree cliniche nei precedenti anni, enfatizzando anche le relazioni fra patologia sistemica e cavo orale.
La didattica frontale-seminariale prevista, è finalizzata prevalentemente alla discussione interdisciplinare dei casi clinici assegnati.