Sospensione dell’attività di front-office dell’URP dal 5 al 15 marzo 2020.

In ottemperanza alle disposizioni del Rettore per far fronte all’emergenza COVID-19 e in seguito all’emanazione del DPCM 4 marzo 2020 ‘Emergenza COVID-19’ si comunica che l’attività di front-office dell’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP), sito al piano terra del Palazzo Ateneo, in via Gramsci, 89 a Foggia, è sospesa fino al 15 marzo 2020 e fino a nuove disposizioni.

È comunque possibile contattare l’URP

per e-mail scrivendo a urp@unifg.it

per telefono, chiamando i numeri 0881 338415, 0881 338315

su whatsapp scrivendo a 0881 338415 dalle ore 9:00 alle ore 12:00, dal lunedì al venerdì

e chiamando l’URP su Skype (URP UNIFG) dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 11:00

oppure ancora, scrivendo un messaggio in privato dal profilo Facebook ufficiale dell’Università degli Studi di Foggia.

La Pubblica Amministrazione al vostro servizio.
Palazzo Ateneo - Università degli studi di Foggia
L’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) fornisce informazioni e servizi. Tramite l'URP è possibile inoltre segnalare i disservizi dell’amministrazione.
Attraverso il diritto di accesso e di informazione, l’URP realizza il principio della trasparenza, agevolando la partecipazione di tutti all'attività amministrativa, fornisce informazioni sull’organizzazione interna dell’Università e illustra la normativa in materia di privacy, autocertificazione e semplificazione amministrativa; inoltre promuove la comunicazione interna e la conoscenza dei principi della comunicazione istituzionale.
Cos'è l'URP

L’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) è il ponte tra la Pubblica Amministrazione e le persone, sia come singoli individui che come associati.
L’URP nasce per realizzare, in concreto, i principi della trasparenza e della partecipazione all’azione amministrativa enunciati dalla L. 241/1990 (Nuove norma in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi).

Gli URP sono l’espressione concreta della profonda trasformazione in atto nelle amministrazioni pubbliche. Una trasformazione che porta l’amministrazione al servizio delle persone e che modifica profondamente il modo di lavorare.
Con la L. 150/2000 vengono ridefiniti i compiti degli URP, già stabiliti dal D. Lgs. n.29/1993 (sulla Razionalizzazione dell’organizzazione delle amministrazioni pubbliche). La Legge 150 disciplina le attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni.
In base a quanto stabilisce l’art.8 della legge 150, infatti:

  1. L’attività dell’ufficio per le relazioni con il pubblico è indirizzata ai cittadini singoli e associati.
  2. Le pubbliche amministrazioni, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge stessa, provvedono, nell’esercizio della propria potestà regolamentare, alla ridefinizione dei compiti e alla riorganizzazione degli uffici per le relazioni con il pubblico secondo i seguenti criteri:
  • garantire l’esercizio dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione di cui alla legge 7 agosto 1990, n.241, e successive modificazioni
  • agevolare l’utilizzazione dei servizi offerti ai cittadini, anche attraverso l’illustrazione delle disposizioni normative e amministrative, e l’informazione sulle strutture e sui compiti delle amministrazioni medesime
  • promuovere l’adozione di sistemi di interconnessione telematica e coordinare le reti civiche
  • attuare, mediante l’ascolto dei cittadini e la comunicazione interna, i processi di verifica della qualità dei servizi e di gradimento degli stessi da parte degli utenti
  • garantire la reciproca informazione fra l’ufficio per le relazioni con il pubblico delle varie amministrazioni

Gli uffici per le relazioni con il pubblico provvedono, mediante l’utilizzo di tecnologie informatiche:

  1. al servizio all’utenza per i diritti di partecipazione di cui al capo II della legge 7 agosto 1990, n.241
  2. all’informazione all’utenza relativa agli atti e ai procedimenti
  3. alla ricerca e all’analisi finalizzate alla formulazione di proposte alla propria amministrazione sugli aspetti organizzativi e logistici del rapporto con l’utenza (art. 12, 2° comma, del D. Lgs n.29/1993).