Alle strutture di raccordo sono attribuite funzioni di coordinamento e razionalizzazione delle attività didattiche, compresa la proposta di attivazione o soppressione di corsi di studio, e di gestione delle strutture didattiche e dei servizi comuni.

Ove alle funzioni didattiche e di ricerca dei dipartimenti di riferimento si affianchino funzioni assistenziali, le strutture di raccordo assumono i compiti conseguenti, da svolgere nell’ambito delle disposizioni vigenti in materia e secondo le modalità e nei limiti concertati con la regione, garantendo l’inscindibilità delle funzioni assistenziali dei docenti di materie cliniche da quelle di insegnamento e di ricerca.

Nel caso di costituzione di strutture di raccordo nell’ambito dell’area medica, a esse è affidato il coordinamento della gestione organizzativa e amministrativa delle scuole di specializzazione, mentre l’organizzazione e il funzionamento delle scuole medesime restano disciplinati dalla specifica normativa di riferimento. 

Il Consiglio di Amministrazione ha approvato nella seduta del 25 settembre 2012 l’attivazione della Struttura di raccordo cui fanno capo i Dipartimenti di Medicina Clinica e Sperimentale e di Scienze Mediche e Chirurgiche, denominata “Facoltà di Medicina”, diretta dal Preside prof. Gianluigi Vendemiale.