Inaugurazione anno accademico, cerimonia in linea con le disposizioni governative

5 Marzo 2020
La notizia
Dipartimento di Giurisprudenza

Alla luce delle disposizioni governative che hanno decretato la sospensione delle attività didattiche in tutte le scuole e gli atenei fino al 15 marzo, l’Università di Foggia converte l'inaugurazione dell'anno accademico da cerimonia in talk show multimediale.

Pertanto, martedì 10 marzo 2020, nel corso di una tavola rotonda (riservata ai relatori, ma non aperta al pubblico) si discuterà delle origini socio-storiche del femminicidio. 

«È il nostro piccolo tentativo – spiega il rettore dell’Università di Foggia, Pierpaolo Limone – di preservare un po’ di ordinarietà in una situazione assolutamente straordinaria. Ci stiamo sforzando di mantenere un po’ di normalità in una circostanza del tutto inedita, per noi e per tutti gli atenei italiani. Fidiamo nel fatto che, molto presto spero, ne verremo tutti fuori». 

L'incontro sarà registrato e in seguito pubblicato sul sito e sulle piattaforme social dell’ateneo. Come annunciato nei giorni scorsi, da quest’anno l'Università di Foggia ha introdotto un tema sociale di stretta attualità all'interno dell’evento simbolo della comunità accademica, nel tentativo di partecipare un po’ più attivamente alla vita e alle dinamiche del territorio. 

Il tema scelto quest’anno avrebbe dovuto essere, appunto, quello del femminicidio, che – se si fosse tenuta la cerimonia – sarebbe stato dibattuto alla presenza della ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese. Da qui, condividendo l'opportunità delle misure governative, la decisione dell’ateneo di convertire l'incontro senza tuttavia annullarlo. D’intesa col Viminale, inoltre, l’Università di Foggia si impegna a individuare nuova data in cui recuperare l'evento con la ministra Lamorgese.