La Digital Forensics: l'informatica come oggetto e strumento dell'accertamento penale

Venerdì, 6 Marzo, 2015 - 10:00
Sede Evento: 
Dipartimento di Giurisprudenza
L'evento
Convegno AICA

Si svolgerà venerdì 6 marzo 2015 alle ore 10.00, presso l'Aula Magna del Dipartimento di Giurisprudenza (largo Papa Giovanni Paolo II n. 1, Foggia – I piano), il convegno sul tema "La Digital Forensics: l'informatica come oggetto e strumento dell'accertamento penale" organizzato dall'Associazione Italiana per l'Informatica e il Calcolo Automatico - AICA (Sezione Puglia) in collaborazione con l'Università degli Studi di Foggia.

Il convegno si propone di approfondire alcuni aspetti innovativi legati alle modalità di investigazione alla luce dell'ordinamento giuridico italiano per quanto riguarda la corretta applicazione del diritto penale e del diritto processuale penale: tecniche di indagine scientifica, indagine informatica, investigazione difensiva nel campo dei crimini informatici e dei crimini comuni la cui prova sia costituita da dati digitali o veicolati da sistemi informatici.
L'attenzione dei relatori si soffermerà, in particolare, sull'analisi delle norme rilevanti per le tecniche di acquisizione, conservazione, analisi e produzione dei dati digitali rinvenuti nei computer e dei flussi telematici per la loro utilizzabilità nell'ambito dei vari tipi di processi nonché in altri tipi di istruttoria e procedimento amministrativo.

I lavori del convegno si apriranno con l'intervento del prof. Crescenzio Gallo, Responsabile della sottosezione AICA di Foggia a cui seguiranno i saluti istituzionali del prof. Aldo Ligustro, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, dell'avv. Stefano Foglia, Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Foggia, del prof. Maurizio Ricci, Rettore dell'Università degli Studi di Foggia e del dott. Piernicola Antonio Silvis, Questore di Foggia.

Alle ore 11.00 l'introduzione a cura del Presidente AICA-Puglia, prof. Giuseppe Mastronardi su "La Digital Forensics - Il metodo scientifico delle IT nelle attività investigative”.

Successivamente le relazioni del prof. Cristoforo Pomara (Delegato del Rettore per la Ricerca Scientifica e Tecnologica) su “La tecnologia applicata alle scienze forensi"; del dott. Stefano Fratepietro, Chief Information Security Officer TESLA Consulting su "L'importanza delle best practice nell'accertamento tecnico informatico: quando il dato informatico diventa la prova del reato” e del prof. Michele Perilli docente di Conoscenze informatiche presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Foggia su "Cybercrime: L'indagine Investigativa in Internet”. In conclusione il dibattito con il pubblico.

Modera la dott.ssa Maria Concetta Fioretti - Università degli Studi di Foggia.